Partirà venerdi prossimo "Think before you link"

Taverna, Mercoledì 04 Aprile 2018 - 15:45 di Redazione

Partirà venerdi prossimo "Think before you link" il progetto pensato per sensibilizzare i giovani dei comuni presilani rispetto ai pericoli della rete realizzato dalle assistenti sociali della cooperativa "La Ginestra" e finanziato dal Corecom Calabria. Una serie di incontri che vedrà protagonisti gli alunni delle classi quinte delle scuole primarie e quelli delle scuole secondarie di primo  grado dei comuni di  Taverna, Albi, Magisano, Sorbo San Basile, Fossato Serralta, Pentone. A predisporre tutto il programma che,  grazie alla compartecipazione dell'istituzione scolastica diretta da Rita Elia, delle famiglie, della psicologa Barbara Amelio, dell'avvocato Eugenio Biamonte approfondirà  tutte le problematiche legate all'utilizzo spesso  improprio del web, le tre giovani professioniste Carmen Puleo, Chiara Cimicata e Laura Panucci. Primo appuntamento, venerdi mattina a Taverna alla presenza oltre che degli  insegnanti , di Frank Mario Santacroce segretario del Corecom grazie al quale il progetto prenderà forma ed il sindaco di Taverna Sebastiano Tarantino. Nel corso degli incontri che si protrarranno per un mese ed interesseranno tutti i plessi ricadenti sotto l'egida dell'istituto comprensivo di Taverna  si discuterà e ci si confronterà rispetto ai pericoli della rete ed  al cyberbullismo nello specifico, autentica piaga sociale che pare non mostrare flessioni e che produce in chi ne è vittima ferite profonde, spesso difficili da rimarginare. Le tre assistenti sociali che con coraggio e caparbietà hanno dato vita qualche tempo fa ad una cooperativa sociale volta ad agire sul territorio in maniera capillare, intendono, con il progetto "Think before you link" che significa "Pensa prima di linkare", contribuire in maniera tangibile alla  formazione di una coscienza critica nelle giovani generazioni preservandole dai rischi di una navigazione approcciata senza possedere gli strumenti utili ad governarla criticamente senza venirne fagocitati.<L'educazione ai nuovi media- dichiarano le tre giovani professioniste entusiaste e grate al Corecom per aver reso possibile la realizzazione del progetto a tutela dei minori- è necessaria e rappresenta una priorità. I giovanissimi devono imparare a decodificare i diversi linguaggi della rete ed approcciarli in maniera corretta. E' altrettanto importante che comprendano quanto la vita sui social non sia virtuale ma reale, i cellulari ed internet non sono semplici strumenti ma ci collocano all'interno di una rete di rete di relazioni che implica lucidità e capacità di  gestione dei rapporti>.



Testata Registrata al Tribunale Catanzaro N.R. 1078/2011 N.R.S. 12   |   Direttore Responsabile Alessandro Manfredi   |   P.Iva 03453040796 Media Web srls
Tutti i diritti riservati ©   |   Autorità per le garanzie nelle comunicazioni - ROC NR. 21658 2code 2code